Il fluire della vita

0

Sostanzialmente la vita che si consuma nel presente a velocità supersonica come diceva Enzo Biagi: “È appena un affacciarsi alla finestra“, ed è comunque fatta di tappe cronologiche. Dunque di partenze e di arrivi.

Esiste la scansione ordinaria dei giorni, che partono secondo il roteare della terra, che arriva puntualmente alla notte, volgendo le spalle al sole. È l’affascinante arrivo sempre nuovo e denso di sorprese che porta con sé il fluire della vita. Le mete più ambite in genere non corrispondono al Kronos, nel senso dell’ordinario solare scandire del tempo, ma le direi piuttosto al Kairos nel senso greco, cioè un tempo speciale che è denso di attesa, penso all’agognato arrivo della maggiore età, alle tappe scolastiche, ad una storia d’amore che si suggella con il matrimonio, i figli o al combattuto arrivo di una corsa ciclistica, o ippica. Roba da fiato sospeso, dove la dimensione del tempo cambia secondo l’eccitazione dell’attesa.

Siamo in attesa del solstizio d’inverno, quando la notte raggiunge la sua massima estensione, e si fa struggente l’attesa del sole che sconfigga le tenebre della notte, un sole che non tramonti. Per i credenti è Cristo l’Astro che illumina l’universo, che non si spegne mai, capace di trasformare anche l’arrivo ultimo di ogni essere umano e di tutte le cose in una dissoluzione che è mistero e vita.

Don Donato Agostinelli

Don Donato Agostinelli

Don Donato Agostinelli
Articoli di Don Donato Agostinelli (mostra tutti)
Share.

Leave A Reply