Raggi X, una scoperta nata per caso

0

Una fra le più importanti scoperte che hanno rivoluzionato la medicina è avvenuta per caso.

Nel non troppo lontano 1895 il fisico tedesco Wilhelm Röntgen stava compiendo alcuni esperimenti con un tubo di vetro sottovuoto nel quale faceva passare della corrente elettrica, quando con la coda dell’occhio vide luccicare qualcosa su una superficie che aveva cosparso di materiale fluorescente. Indagò su quell’inaspettato baluginio e al posto della superficie mise della pellicola fotografica e… sapete qual è la prima radiografia della storia? La mano ingioiellata della moglie del fisico, Anna Berthe. Röntgen nel 1901 vinse il premio Nobel per la scoperta di questi raggi a cui assegnò la lettera X perché sconosciuti. I raggi X e la strumentazione per utilizzarli hanno fatto grandi passi rispetto a quei tempi pionieristici: oggi la diagnostica per immagini (che oltre alle radiografie comprende anche esami senza esposizione ai raggi X come la risonanza magnetica, solo per fare un esempio) consente di indagare a fondo e in sicurezza le cause di numerose patologie, ma a dispetto delle origini, niente è lasciato al caso.

A cura di Centro Medico Sirio.

Share.

Leave A Reply