Green

0


Non è passato un giorno
sulla terra, senza ch’ogni essere vivente
ogni creatura, d’amore fosse avvolto
consolato.
Corsi d’acqua e pascoli
praterie e deserti, città
boschi; foglie che vibrano sui rami
arbusti che tendono al cielo.
Il canto senza nome della notte
e il risveglio del creato; l’alba
che annuncia il nuovo giorno e vita nuova
la poesia d’ogni mattina che nasce per morire in un tramonto
struggente e porpora.
La preda che rispetta il predatore
non cedendo alla sua caccia senza fuga,
senza lo svelto rifugiarsi nella corsa
e il nascondiglio che non fa promesse
né si nega. Finirà mangiata prima o poi, la preda,
è questa la sua vita, e lei la vive.
Campi coltivati, la zappa e il contadino
la massaia che raccoglie i pomodori
i pomodori che diventano passato.
Noi siamo i figli di questa tremenda storia d’amore.
Noi siamo l’amore.

Massimiliano Bardotti

Massimiliano Bardotti

è nato a Castelfiorentino nel 1976, dove vive. Poeta e performer è curatore per la regione Toscana della Collana Poetica Itinerante di Thauma edizioni. Nel febbraio 2011 con Thauma è uscito il suo libro Fra le Gambe della Sopravvivenza finalista a: Premio Mario Luzi, Arezzo Poesia Sergio Manetti, Premio città di Sassari, Premio letterario internazionale Sulle Orme di Ada Negri e Premio di poesia Annuario; terzo classificato al Premio Città della Spezia e vincitore del Premio città di Manfredonia Re Manfredi.
Massimiliano Bardotti
Articoli di Massimiliano Bardotti (mostra tutti)
Share.

Leave A Reply