Christian Battiferro ci svela i segreti del Fruit Exhibition

0

Battiferro e I SEGRETI DEL FRUIT EXHIBITION fruit Christian Battiferro ci svela i segreti del Fruit Exhibition battiferro

Siamo giunti alla quinta edizione di Fruit Exhibition e tante sono le novità di quest’anno.
 Già l’intero numero de L’Empovaldo soddisferà tutta la vostra curiosità verso il corposo programma di questo evento; quindi adesso vogliamo allietarvi con delle notizie inedite direttamente provenienti dalla creativa mente dell’organizzatore: Christian Battiferro.
All’interno del Fruit si occupa della comunicazione e promozione attraverso iniziative e sviluppo di media partnership, attività promozionali nel marketing e sponsorizzazioni.
Quindi bando alle ciance, diamo il via all’intervista!

Come vi è venuta l’idea dell’evento? Vi aspettavate di ricevere questo successo?

“L’idea dell’evento è venuta inizialmente ad Anna Ferraro che ha coinvolto l’amico e collega Andrea Cavallotti.
Sono stati loro due all’inizio a dare il via al progetto e a coinvolgere un primo team di lavoro.
Alla base c’era la volontà di rappresentare le molteplici produzioni editoriali indipendenti, eccellenze che non hanno visibilità nei circuiti ufficiali. Questo spirito è lo stesso che accompagna il festival anche oggi, se poi ha avuto successo credo sia proprio per la chiarezza nell’esposizione degli intenti e nella passione con la quale vengono perseguiti”.

Siamo ormai giunti alla quinta edizione, quali sono stati i cambiamenti più significativi riscontrati nel corso della manifestazione?

“Un primo miglioramento è stato, sicuramente, una collocazione precisa nel calendario e una location “fissa”, in seguito il market è passato da una trentina di editori nella prima edizione a oltre cento di questa 2017. Dal punto di vista della programmazione, in aggiunta alle mostre e ai talks, si sono aggiunte di anno in anno performances ed eventi speciali, la passata edizione ha inaugurato la rassegna video, mentre da quest’anno abbiamo una nuova sezione dedicata alla fotografia e una al game design”.

Battiferro e I SEGRETI DEL FRUIT EXHIBITION fruit Christian Battiferro ci svela i segreti del Fruit Exhibition battiferro1

Quali sono le attività che consigliate maggiormente al pubblico?
“Essere presenti, osservare, scambiare idee e opinioni è già un’importantissima attività che oggi sembra essere sempre più rara. Crediamo che uno dei punti di forza di Fruit sia proprio questo: creare relazioni sociali. Da un punto di vista professionale sicuramente anche i laboratori sono molto interessanti grazie alla varietà di tematiche trattate e alla partecipazione attiva del pubblico.
La nuova esperienza delle gaming rooms ci auguriamo possa allargare i confini del festival, facendo intuire ai visitatori come la creatività visiva abbia ancora nuove strade da percorrere e nuove opportunità professionali da scoprire oltre a quelle già note e consolidate.
L’altra novità da non perdere è il Fruitography, un concorso che esibisce il lavoro di fotografi e graphic designer provenienti da tutto il mondo.
Visto il successo ottenuto nel 2016, abbiamo deciso di riproporre anche quest’anno la sezione disco: una maniera divertente per entrare in contatto con nuove opere nazionali ed internazionali di design per dischi, cassette e bellissimi oggetti da collezione”.

Come avete intenzione di sviluppare l’evento FRUIT nei prossimi anni?

“Per ora speriamo di arrivare vivi alla fine di questa edizione, poi se sopravviviamo ci pensiamo!”.

Articolo di Virginia Rigutini e Erika Persici

Share.

Leave A Reply