Di promesse se ne fan tante

0

Quelle d’amore, quelle vere, quelle troppo grandi per esser mantenute, quelle false, quelle che fai a te stesso.

Le promesse sono, nella maggior parte delle sue forme, silenti o espresse che siano, l’inizio di una consapevolezza interiore, una presa di coscienza, che dà il la ad un progetto, all’inizio dei lavori del cantiere delle sensazioni, al valore che con cotanta sicurezza vogliamo esprimere e mantenere fino al raggiungimento “egoico” che più ci aggrada.

Noi dell’Osteria dopo tante vittorie, ma anche dopo altrettante ma utilissime sconfitte, ci fermammo. Fu importantissimo. Guardammo a destra, guardammo a sinistra (e non eravamo la famosissima imbarcazione degli Abbagnale), ci sentivamo persi, ma fu solo quando riuscimmo a guardare dentro di noi che ritrovammo la strada, e da li scattò la più semplice e naturale delle promesse. Sì ebbene sì, promettemmo a noi stessi, agli altri e al mondo intero che il rispetto, il coesistere armonico tra tutti gli esseri viventi del pianeta fosse il nostro mantra quotidiano. Abbiamo iniziato a guardare le carote, le patate, i pomodori, le mitiche zucchine, le mucche, i maiali, le galline, con occhi diversi, con gli occhi dell’amore.

Quindi che dire, se continua cosi, la stagione promette bene!

P.s:  Vorrei ringraziare l’Azienda Vinicola La Baia Del Sole, il rosso riserva 2011, il sangiovese, il merlot, il canaiolo, i colli di Luni, la brezza del mare, le correnti fredde delle apuane, il sole, la terra, la pioggia, e la famiglia Federici che da almeno quattro generazioni, tramandandosi le promesse fatte, continuano con amore ad amare!

Share.

Leave A Reply