La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno”

0

Dicembre si sa, tempo di classifiche. Ogni ambito della vita umana ha la propria Top 10 dell’anno appena trascorso: dalle Serie Tv ai goal più belli, dal miglior film ai segni zodiacali più fortunati. Ma se c’è un campo che più di tutti si presta a scegliere i migliori (a titolo del tutto personale, si intende!) quello è proprio quello musicale.

Quest’anno è uscita tanta bella musica a livello internazionale. L’Italia ha contribuito abbastanza in questo ambito. Ma io voglio qui invece elencare, in ordine del tutto casuale, senza posizioni, i 10 migliori album (sempre secondo me!) che il nostro territorio toscano ha dato al mondo musicale in questo 2017 ormai al suo epico finale. Enjoy & Listen!

Sex Pizzul Pedate Cover musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” Sex Pizzul Pedate Cover

Sex Pizzul – Pedate
Uscito al 90’ minuto del 2016 “Pedate” nel 2017 ha consacrato i Sex Pizzul nell’olimpo del garage-punk italiano. Un disco dolcemente ruvido che parla di storie di calcio che non esiste più. Recensito anche sulle nostre pagine da poco uscito anche una favolosa raccolta di remix.

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” Acquarama

Aquarama – Riva
Tramonti tropicali, ritmi latini e quell’atmosfera che ti fa capire che l’estate non è solo una stagione ma una condizione interiore: questo hanno creato gli Aquarama col loro splendido lavoro Riva uscito per FreshYo! a metà di questo 2017. Psichedelia funk con un tocco di Beach Boys, un Daiquiri in mano: chiudete gli occhi mentre ascoltate questo disco.

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” solki

Solki – Peacock Eyes
Serena Altavilla ha una voce sublime e questo è un dato di fatto che ormai abbiamo assodato con le precedenti esperienze (Blue Willa/Baby Blue). Solki, progetto tutto Pratese di Serena, Lorenzo Maffucci e Alessandro Gambassi, col sapiente contributo del grande Alessandro Fiori, al loro secondo esperimento ci regalano un “dream-punk” (come lo hanno definito loro) di livello assoluto, essenziale e carico di emotività.

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” unePassante Seasonal Beast

unePassanteSeasonal Beast
Il nuovo attesissimo lavoro di Giulia Sarno non delude le aspettative. Ci aspettavamo molto dopo il già ottimo precedente “No Drama” e 4 anni (di sperimentazioni e innovazioni) dopo arriva un autentico gioiellino di elettronica ed emozioni sparati tra il cuore e la gola. E una nota di merito anche al lavoro di David Matteini e Emanuele Fiordellisi per aver contribuito ad uno dei dischi dell’anno.

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” Le Furie     Il Futuro    nella testa

Le Furie – Il Futuro è nella testa
Prodotto da Davide Autelitano de i Ministri, dopo un lavoro durato 5 anni passato anche per la Cupa di Vinicio Capossela, arriva ai nostri orecchi un disco musicalmente molto semplice ed essenziale ma dai contenuti grandi, pregni di amore e malinconia che li stagliano su un gradino più alto rispetto al guazzabuglio cantautoriale italiano.

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” Sounding Aquarium

Plasticman – Sounding Aquarium
Alfieri della psichedelia garage di una scena Fiorentina tutt’altro che dormiente, figli di Annibale (Records) e di Luca “Lando”, i Plasticman con una formazione semi-nuova escono con un disco vibrante e grondante di umori lisergici e distorti di un fuzz. Non è un caso infatti che il titolo sia ripreso da una canzone dei Kinks: le influenze 60’s si sentono ma riarrangiate e “modernizzate” a creare un magma sonoro personale e molto molto divertente.

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” Musica Nuda     Leggera

Musica Nuda – Leggera
Petra Magoni e Ferruccio Spinetti. Non importerebbe aggiungere altro: due musicisti assoluti, di stampo Jazz/Classico che con il loro nuovo e terzo lavoro provano ad orpellare col contrabbasso canzoni “leggere” proprio come dice il titolo del disco. Un esperimento perfettamente riuscito che si avvale di collaborazioni importanti (Fausto Mesolella, Frankie Hi-Nrg e Lelio Luttazzi solo per citarne alcuni) che confermano la cifra stilistica del duo toscano.

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” Tommaso Novi album

Tommaso Novi – Se mi copri rollo al volo
Disco d’esordio solista per una delle due metà dei Gatti Mézzi (anche Francesco Bottai ha fatto un lavoro solista niente male!), Tommaso Novi crea un concept autobiografico dal piglio quasi surreale su un periodo particolare della sua vita: quell’età tra i 20-25 anni dove succede tutto ma non succede niente. Musicalmente diverso dai lavori dei Gatti, molta più elettronica intrecciata da Dio con la voce tipicamente cantautoriale del Novi. Del resto potevamo rimanere delusi da un professore di Fischio a conservatorio?!

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” Clap Clap A Thousand Skies

Clap! Clap! – A Thousand Skies
La scena beat-elettronica Fiorentina (ma anche Toscana) ha un re e questo si chiama Cristiano Crisci che con uno dei suoi monicker, Clap! Clap! appunto, fa uscire un disco folk-divertente-disco-tribale. Si, avete capito bene: c’è tutto questo mixato e frullato armoniosamente in questo ottimo lavoro del producer di Firenze. C’è il dialetto fiorentinissimo di Millelemmi a raccontare di “storiacce” notturne in città e il profumo ritmato di un Continente Nero mai così vicino, il tutto candito da beat e synth con attitude jazz/soul a fare di questo disco un vero e proprio viaggio spirituale.

musica La TOP 10 del 2017 di Alchimie Musicali aka “quanto la Toscana ha dato alla musica quest’anno” Naomi Berrill To the Sky cover 3

Naomi Berrill – To the Sky
Giovane violoncellista e cantante Irlandese, ormai Fiorentina di adozione, Naomi Berril con la grazia dolce e malinconica di un “guardiano del faro” [ndr] da alla luce un disco che si insinua amabilmente tra le pieghe del cantautorato folk e musica classica. Lei, Naomi, che già aveva portato la sua musica nelle “botteghe” di Firenze (andate a cercarvi il progetto Hand Made Music!), in questo disco ci racconta storie di marinai e terre lontane con soave eleganza e un deciso sguardo ottimista al futuro.

Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

Francesco Marinelli, poco più che 30enne anagraficamente, meno di 20 spiritualmente. Chimico di professione, musica per passione, si divincola tra provette e Orme Radio dove conduce Germi il Lunedì sera. Non si perde neanche un concerto e da poco lanciato nel mondo del giornalismo musicale anche se fermamente convinto che "Scrivere di musica è come ballare di architettura".
Share.

Leave A Reply