Hello World! L’informatica dall’aritmometro allo smartphone a 50 anni del primo corso di laurea in Informatica a Pisa

0

Nel 2019 l’Università di Pisa ha festeggiato i 50 anni dall’istituzione del primo corso di laurea in Informatica, in Italia, nato proprio nella città della Torre Pendente nell’anno accademico 1969 – 70.

Un primato eccezionale a cui l’università ha dedicato tanti eventi e celebrazioni e una bella mostra, ‘Hello World! L’informatica dall’aritmometro allo smartphone’ che, aperta a ottobre 2019, in queste settimane ‘vive’ on line con materiali, filmati, approfondimenti. Ce la racconta il professor Fabio Gadducci, curatore della mostra e direttore scientifico del Museo degli strumenti per il Calcolo dell’Università di Pisa.

“Gli antefatti che hanno portato all’evento sono due. Il primo risale a metà degli anni ’90 quando l’ateneo decise di allestire un museo dedicato alle tecnologie informatiche, una scelta lungimirante che si concretizzò nell’impegno di mettere insieme una collezione di manufatti di cui si era già in possesso e in più di fare da collettore per accogliere donazioni importanti da tutta Italia. L’altro aspetto è la ricorrenza dei 50 anni dalla nascita del primo corso di laurea in Informatica in tutta Italia, nato appunto a Pisa. Una ricorrenza importante per la città in cui a metà degli anni ’50 era già nato il progetto della Calcolatrice Elettronica, la prima calcolatrice scientifica, progettata e costruita in Italia. Questo enorme progetto aveva portato a Pisa una tale concentrazione di informatici che il know- how accumulato dette la spinta decisiva alla nascita del corso di laurea, voluto dal Rettore Alessandro Faedo”. ‘Hello world’ altro non è che il primo esercizio di programmazione che viene fatto fare a tutti gli studenti di informatica, “ proprio così – spiega Gadducci – si chiede loro di far visualizzare l’espressione ‘Ciao mondo!’, come se la macchina salutasse lo studente che si cimenta con i primi esercizi”.

Il racconto fatto dai curatori – insieme a Gadducci ci sono anche la professoressa Chiara Bodei e il professor Giuseppe Lettieri – per condurci nel viaggio alla scoperta del mondo dell’informatica, segue tappe cronologiche. Si parte con la ELEA 6001, la macchina costruita da Olivetti, che fu partner decisivo per costruire la CEP, la Calcolatrice Elettronica Pisana che naturalmente è uno dei pezzi forti dell’esposizione. Dal sistema informatico della Missione Apollo 11, che portò l’uomo sulla Luna, ai pc degli anni ’70 e ’80 che diventano strumento di lavoro e poi genere di consumo per le famiglie. Per chiudere con una intera sezione dedicata ai prodotti Apple, iconici e non più solo oggetti ma associati a un vero e proprio stile di vita. Oltre ai contenuti on line che permettono di ‘entrare’ nella mostra, è giusto anche ricordare che a Pisa c’è un Museo degli Strumenti del Calcolo che anche in questi giorni continua a offrire momenti di formazione scientifica e intrattenimento a distanza, per studenti e curiosi, sia dal sito che dalla pagina facebook.

Vogliamo sollecitare l’engagement e la curiosità, con eventi on line, incontri virtuali, piccole lezioni divulgative – racconta Gadducci – vogliamo che ci si diverta con l’informatica e che anche il museo venga percepito come un luogo dove andare per divertirsi con l’informatica”.

Nel frattempo si lavora a un riallestimento, guardando al 2021 che segna un nuovo evento da celebrare: a novembre saranno 60 anni dall’inaugurazione della Calcolatrice Elettronica Pisana e sono già in cantiere alcune idee per celebrare la ricorrenza, “stiamo lavorando a un documentario sulla nascita della CEP e ci auguriamo di avere il museo del calcolo riallestito e aperto”, dice Gadducci.

Chiudiamo la chiacchierata con una domanda sui tempi che stiamo tutti con fatica attraversando e sul ruolo che l’informatica può e deve avere nel contrasto al Coronavirus, Gadducci non ha dubbi “l’informatica ha la capacità di trattare in modo adeguato e in tempi rapidi moli ingenti di dati; lo sforzo della comunità informatica ora è di trovare metodi e tecniche per aiutare la sanità a individuare degli efficaci sistemi di contenimento della diffusione del virus”.

 

Informazioni sulla mostra: https://www.msc.sma.unipi.it/mostra-hello-world/

I contenuti multimediali della mostra: https://qr.hello-world.it/

Sito Museo Strumenti per il Calcolo: https://www.msc.sma.unipi.it/

Didattica Museo del Calcolo: https://www.sma.unipi.it/percorsi-didattici/?filter=1&museo%5B%5D=museo-strumenti-calcolo

 

Hello World! L’informatica dall’aritmometro allo smartphone a 50 anni del primo corso di laurea in Informatica a Pisa Mostra Hello World 1

Hello World! L’informatica dall’aritmometro allo smartphone a 50 anni del primo corso di laurea in Informatica a Pisa Mostra Hello World 3

Hello World! L’informatica dall’aritmometro allo smartphone a 50 anni del primo corso di laurea in Informatica a Pisa Mostra Hello World 4

Susanna Bagnoli

Susanna Bagnoli

Sono una giornalista e addetta stampa. Mi sono occupata di comunicazione politica e istituzionale, oggi scrivo e collaboro con settimanali nazionali e testate regionali tra cui l’Empovaldo. Ho il pallino delle storie al femminile!
Share.

Leave A Reply