Diamine! Codesto mi garba. Lo vorrei anche a Empoli.

0

L’Estate si sa, è il momento ideale per i passatempi! Il più divertente e utile se l’è inventato l’associazione culturale Questa è Empoli.

Quante volte in viaggio vi sarà capitato di vedere cose che vi “garbano”? Una città virtuosa, un addobbo originale, un particolare che ha reso indimenticabile i luoghi che avete visitato in vacanza. Quante volte avete pensato, come sarebbe bello farlo anche a Empoli?
Il singolare contest estivo dell’Ass. Cult. “Questa è Empoli” parte proprio da questo presupposto. Segnalare quanto di bello troviamo in vacanza – in spiaggia, tra i monti, in campagna o in città – per proporlo alla città e ai cittadini e poter dire: “Diamine! Codesto mi garba. Lo vorrei anche a Empoli”.

Come funziona?
Partecipare è molto semplice:

1) Guardati intorno e fotografa tutto quello che trovi di bello.
(raccogliere rifiuti dalla spiaggia, usare una borraccia al posto della bottiglia di plastica, raccogliere cicche, una pista ciclabile, un’area gioco per bambini, un evento, un gesto di solidarietà, un’idea innovativa, la cura degli animali, mezzi di trasporto ecologici, ecc.)

2) Scatta una foto e postala su Facebook e/o Instagram con profilo pubblico usando l’hashtag #MIGARBAEMPOLI taggando almeno tre amici che inviterai a fare lo stesso.

contest empoli, questa è empoli, l'empovaldo, diamine, instagram, facebook, contest fotografico Diamine! Codesto mi garba. Lo vorrei anche a Empoli. Instagram

Così facendo potrai partecipare al contest “DIAMINE! CODESTO MI GARBA. LO VORREI ANCHE A EMPOLI” e i tuoi scatti potranno essere selezionati per finire sui canali social di Questa è Empoli, la vera community degli innamorati di Empoli.

Il contest è iniziato il 13 luglio e concluderà il 13 settembre.

Il vincitore o la vincitrice sarà proclamato QUEST’EMPOLESE AD HONOREM e riceverà una sorpresa da vero “Quest’empolese”.

Pronti col telefonino allora e tutti a caccia di cose che ci garbano senza dimenticare l’hashtag dell’estate: #MIGARBAEMPOLI

Articolo a cura della Redazione
(Fonte: Ufficio stampa “Questa è Empoli”)

 

 

Share.

Leave A Reply