A Palazzo Blu a Pisa: Da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou fino al 17 febbraio

0

La Gioconda con i baffi e pizzetto, realizzata da Marcel Duchamp nel 1930, ti aspetta all’inizio del percorso, nelle prime sale di Palazzo Blu ed è solo una tra le opere del Surrealismo in mostra a Pisa nell’esposizione “Da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou”, in corso fino al 17 febbraio. L’esposizione chiude il 2018, l’anno in cui la Fondazione Palazzo Blu ha festeggiato il primo decennale di attività come principale istituzione culturale impegnata a Pisa in grandi mostre sull’arte del ‘900.

Nata dalla collaborazione con il Centre Pompidou di Parigi e MondoMostre, la mostra propone una panoramica eccezionale sui più grandi artisti ascrivibili al movimento surrealista, da René Magritte e Marcel Duchamp in primis, ma anche Salvador Dalì, Pablo Picasso, Joan Mirò, Max Ernst, Giorgio De Chirico, Alberto Giacometti, Man Ray. Sono circa 150 le opere, realizzate tra il 1927 e il 1935, selezionate in un percorso espositivo originale, a cura di Didier Ottinger, curatore aggiunto del Centre Pompidou. Per la prima volta in Italia, l’istituzione francese ha prestato una serie di capolavori di cui difficilmente si priva, essendo esposti nella collezione permanente della più importante istituzione europea dedicata all’arte del Novecento. In mostra oltre a capolavori pittorici ci sono anche sculture, oggetti surrealisti, fotografie d’autore, disegni e documenti d’archivio.

Il 1929 è un anno cruciale per il Surrealismo e per il gruppo di artisti che in quegli anni operava a Parigi, fucina della Avanguardie e capitale dello sviluppo artistico mondiale. Anno catastrofico per la memoria collettiva, con il crollo dell’economia mondiale e la crisi dell’Internazionale Comunista, il 1929 segna una svolta decisiva nella storia del Surrealismo. In quell’anno il teorico del movimento André Breton e il poeta Louis Aragon cercano di modificare le fondamenta teoriche del movimento. Il nuovo approccio non trova d’accordo tutti i membri e sembra creare una frattura insanabile all’interno del gruppo. Nonostante le lacerazioni interne, la vitalità del movimento resta intatta e l’arte surrealista sembra affermarsi più che mai. Il percorso espositivo a Palazzo Blu racconta questa vitalità espressiva in un ambizioso progetto scientifico che presenta al pubblico le opere e le visioni estetiche di alcuni tra i più grandi artisti del secolo scorso.

Palazzo Blu A Palazzo Blu a Pisa: Da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou fino al 17 febbraio 02

Palazzo Blu A Palazzo Blu a Pisa: Da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou fino al 17 febbraio 04

Palazzo Blu A Palazzo Blu a Pisa: Da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou fino al 17 febbraio 08

Palazzo Blu A Palazzo Blu a Pisa: Da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou fino al 17 febbraio 13

Share.

Leave A Reply